22 Luglio 2022

2022 / La Scuola d’estate

Le attività della Scuola d’Estate ideata da Luca Ronconi al Centro Teatrale Santacristina si sono concluse anche quest’anno dopo un’intensa attività tra residenze di ricerca e creative, alta formazione e incontri di studio, dialogo e approfondimento con la partecipazione di ospiti e professionisti attivi sulla scena teatrale nazionale e internazionale tra cui Rafael Spregelburd, che ha approfittato della sua presenza in Umbria per fare un’inaspettata visita al Centro Teatrale Santacristina durante la quale ha incontrato gli artisti coinvolti e, in particolare, i partecipanti al laboratorio di alta formazione per autrici e autori.
 
Realizzato in collaborazione con il Piccolo Teatro di Milano e Fabulamundi Playwriting Europe, il laboratorio di scrittura guidato dal drammaturgo e regista argentino Alejandro Tantanian ha coinvolto un gruppo di sei autrici e autori che ha lavorato sull’avvio di nuovi progetti drammaturgici a partire dal romanzo I sette pazzi di Roberto Arlt. Selezionati attraverso un bando nazionale, i drammaturghi invitati a Santacristina sono stati Francesca Caprioli, Valentina Diana, Alessio Forgione, Christian Gallucci, Valeria Patota, Giuliano Scarpinato, che sono stati affiancati da Giorgio Sangati, coordinatore del lavoro, e dalla traduttrice Teresa Vila. Dopo la prima settimana, dedicata unicamente alla scrittura, i partecipanti da hanno potuto mettere in prova i nuovi testi avendo a disposizione un gruppo di attori e attrici formato da Fausto Cabra, Davide Gagliardini, Christian Giammarini, Lucia Marinsalta, David Meden, Marina Occhionero, Valentina Picello e Sara Putignano, professionisti in attività legati alla figura di Luca Ronconi e che in passato avevano già partecipato alle attività di perfezionamento a Santacristina. Oltre alla scrittura e alla messa in prova dei testi, i partecipanti hanno incontrato numerosi studiosi e professionisti del settore tra cui, oltre a Rafael Spregelburd, anche Goffredo Fofi, Ippolita di Majo, Giovanni Agosti e Carmelo Rifici. A conclusione della Scuola si è deciso, inoltre, di proseguire nell’elaborazione dei progetti drammaturgici nei mesi a venire. Lavorando a distanza, è stata accolta la proposta di continuare a sviluppare i progetti avviati dai partecipanti a Santacristina con l’auspicio di poter presentare al pubblico i lavori realizzati durante la stagione 2022-2023.
 
Per quanto riguarda le residenze, Santacristina quest’anno ha ospitato due gruppi di lavoro.  
 
Il regista Fabio Condemi ha portato avanti il proprio lavoro in vista del debutto del suo nuovo spettacolo pasoliniano, Calderón, che andrà in scena nel prossimo mese di novembre a 45 anni dallo storico allestimento del Calderón firmato da Luca Ronconi nell’ambito del Laboratorio di Prato. Insieme ad una parte del cast e alcuni tra i suoi collaboratori tra cui Angelica Azzellini, Fabio Cherstich e Gianluca Sbicca, Fabio Condemi a Santacristina ha potuto approfondire il testo, la messa in prova di alcune soluzioni sceniche e il lavoro sui personaggi, anche grazie al confronto con uno studioso come Giovanni Agosti, presente a Santacristina anche quest’anno. Lo spettacolo è frutto di una co-produzione tra Emilia Romagna Teatro ERT / Teatro Nazionale e LAC Lugano Arte e Cultura.
 
Il secondo progetto in prova a Santacristina, Processo Galileo, è un progetto co-firmato dai registi Andrea De Rosa e Carmelo Rifici che, affiancati dagli attori e dai drammaturghi Fabrizio Sinisi e Angela Dematté, insieme alla dramaturg Simona Gonella, stanno dando vita a nuovo spettacolo, una co-produzione tra TPE – Teatro Piemonte Europa, LAC Lugano Arte e Cultura ed Emilia Romagna Teatro ERT / Teatro Nazionale,  che interroga la portata e il senso delle rivoluzioni scientifiche attraverso una prospettiva sia storica sia contemporanea, capace di osservare le connessioni tra la scienza e il piano collettivo e individuale nella società odierna.
 
Domenica 3 luglio si è svolta la giornata di studio Il repertorio teatrale come campo di ricerca a cura di Giovanni Agosti e Carmelo Rifici. L’incontro ha animato un’ampia discussione sullo stato dell’arte teatrale in relazione al repertorio e sul futuro della drammaturgia anche grazie alla partecipazione di professionisti affermati e di nuove generazioni di artisti che si sono confrontati sui temi cardine della ricerca, della scrittura in relazione al repertorio del teatro. Alla giornata di studio hanno partecipato Fabio Condemi, Angela Dematté, Andrea De Rosa, Ippolita di Majo, Riccardo Favaro, Valter Malosti, Leonardo Manzan, Giovanni Ortoleva, Giorgio Sangati, Alejandro Tantanian e i partecipanti alle attività della Scuola d’Estate 2022.
 
Il ricercatore Tommaso Tovaglieri è stato a Santacristina per realizzare un documentario dal titolo L’eredità di Luca Ronconi, nell’ambito di un ampio progetto riguardante la salvaguardia dei borghi italiani— I Sentieri d’Italia — commissionato da Treccani.
 
La Scuola d’Estate 2022 è realizzata in collaborazione con il Piccolo Teatro Milano, Emilia Romagna Teatro ERT / Teatro Nazionale, LAC Lugano Arte e Cultura e Fabulamundi Playwriting Europe nell’ambito del sostegno del MIC – Progetto Speciale 2022.
 

La Scuola d’Estate 2022 è stata realizzata a cura di Roberta Carlotto, Claudia Di Giacomo, Maria Zinno, Gaia Clotilde Chernetich, Elisa Faletti, Riccardo Porfido.

 

One Response

  1. Good day! I just would like to give you a huge thumbs up for your great info youve got right here on this post. I will be coming back to your website for more soon.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.